Daily archives "2 Novembre 2016"

Sentite questo!

https://plus.google.com/102210371875709850435/posts/YoDWfJog2cm

scusate a me piacciono le tipe però pure i trans cosa faccio?
10 commenti
  • Foto del profilo di Claudio Mastroianni (Gatto Nero)
    Te ne fai una ragione.
    16 sett.
  • Foto del profilo di Gollo Follo
    e come potrei essere definito?
    16 sett.
  • Foto del profilo di Jake Il Cane
    Se per trans intendi le mtf tecnicamente non ti devi neanche definire in quanto le mtf sono considerate donne una volta seguito un certo processo che può prevedere o il solo cambio dei documenti o l’operazione. E in questo caso ti devo correggere sull’articolo che in questo caso sarebbe stato “le trans”, per via del sovrascritto discorso
    16 sett.
  • Foto del profilo di Matteo Manzi
    Matteo ManziModeratore+2
    +Gollo Follo le definizioni non servono e non piacciono, puoi chiamarti etero, puoi chiamarti gay, puoi chiamarti pansessuale, puoi chiamarti suricata, o salamelle al forno. Vivi sereno, tromba con chi vuoi 😉
    15 sett.

“Non c’è un modo sbagliato di essere donna”: lo spot del deodorante mostra l’angoscia di una trans nel bagno pubblico

Pubblicato: Aggiornato:
Lo spot è quello di un deodorante ma, ad essere protagonista, è una battaglia ideologica che da tempo si combatte in America. Quella dei bagni pubblici e delle persone transessuali. Negli ultimi anni si è combattuto a causa di proposte di legge controverse, come quella che nel Nord Carolina proibisce alle persone transessuali di utilizzare il bagno corrispondente al genere con cui si identificano pubblicamente. Altri stati americani hanno presentato proposte di legge simili e la battaglia si combatte anche nelle scuole.

La parrucchiera è trans e i genitori portano via i figli

Tratto da “il golfo24.it” del 8 agosto 2016:

Il fatto è accaduto a Ischia Ponte nel salone di Valentina Mennella, «mi hanno chiesto se potevo fare il taglio ai bambini, ma quando hanno sentito la mia voce e hanno capito che sono trans sono andati via»

<span class="entry-title-primary">La parrucchiera è trans e i genitori portano via i figli</span> <span class="entry-subtitle">Il fatto è accaduto a Ischia Ponte nel salone di Valentina Mennella, «mi hanno chiesto se potevo fare il taglio ai bambini, ma quando hanno sentito la mia voce e hanno capito che sono trans sono andati via»</span>

Dalla redazione

Ischia – «Che schifo è venuta una famiglia con 3 bambini. Mi hanno chiesto se potevo fare il taglio ai bimbi, ma  quando hanno sentito la mia voce e hanno capito che sono trans sono andati via. Che cattiveria». È con questo post su Facebook che Valentina Mennella, nota parrucchiera di Ischia Ponte ha annunciato  l’ennesimo caso di omofobia avvenuto sulla nostra isola. In tantissimi, sempre sui social, hanno espresso la loro solidarietà a Valentina, condannando soprattutto i genitori di questi ragazzini che possiamo solo immaginare quale scusa abbiano inventato per spiegare quel repentino cambio d’idea.